Bonus ristrutturazioni 2018: ecco tutte le novità

Ristrutturazione

La proroga delle detrazioni fiscali per chi effettua lavori in casa è ufficiale. Per i lavori in casa, effettuati nel nuovo anno, sarà possibile usufruire della detrazione Irpef per un importo pari al 50% delle spese sostenute.

La Legge di Bilancio ha introdotto per il 2018 importanti novità sui bonus casa. Si va dalla conferma della proroga del bonus ristrutturazioni e mobili, alle nuove aliquote di detrazione per l’Ecobonus per lavori iniziati a partire dal 1° gennaio 2018.

Bonus casa 2018: proroga della detrazione

La proroga della detrazione del 50% fino a 96.000 euro di spesa per lavori di ristrutturazione effettuati nel 2018 era particolarmente attesa. Anche per i lavori avviati a partire dal 1° gennaio 2018 e fino al prossimo 31 dicembre sarà possibile beneficiare della detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute ed entro il limite di 96.000 euro di spesa.

Bonus ristrutturazioni 2018: quando spetta

Vediamo nel dettaglio per quali lavori spetta il bonus ristrutturazioni 2018:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze

Ecco di seguito alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria per cui è riconosciuto il bonus ristrutturazioni:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

Ecobonus: agevolazioni per sostituzione di finestre, infissi e caldaie

Anche per quanto riguarda l’Ecobonus al 65%, sono previste delle novità importanti: per il 2018 è prevista l’applicazione dell’aliquota al 50% per la sostituzione di finestre e infissi e per l’installazione di caldaie.

Bonus mobili 2018

ristrutturazione2

Tra le novità sugli sconti fiscali per chi effettua lavori in casa vi è la proroga del bonus mobili fino al 31 dicembre 2018.

Ne potranno beneficiare i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione e che acquistano mobili o grandi elettrodomestici di classe pari o superiore alla A+.

La detrazione prevista è pari al 50% delle spese sostenute entro il limite di 10.000 euro. Dovrà essere richiesta in dichiarazione dei redditi e verrà ripartita in dieci rate di pari importo.

Attualmente, invece, non ci sono novità sul bonus mobili per le giovani coppie, scaduta e non in vigore nel 2018.

Come cambia l’Ecobonus

ristrutturazione

Oltre al bonus ristrutturazioni, vi è la proroga dell’Ecobonus per i lavori che mirano ad ottenere un risparmio energetico. La detrazione Irpef prevista dall’Ecobonus però, non sarà più pari al 65% per tutti i lavori effettuati, ma passerà al 50% per:

  • sostituzione e posa in opera di infissi;
  • sostituzione e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con l’installazione di caldaie a condensazione e a biomassa;
  • installazione schermature solari.

Bonus verde

Sempre in tema di agevolazioni che hanno come obiettivo il rispetto dell’ambiente, viene confermata l’introduzione del bonus verde, ovvero la detrazione del 36% e fino a 5.000 euro di spesa per la cura di giardini e terrazzi privati.

Ecobonus condomini e Sisma bonus

Come già previsto dalla precedente normativa, resteranno anche nel 2018 le detrazioni per lavori di riqualificazione energetica in parti comuni del condominio e il Sisma bonus.

Per quanto riguarda la riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali è stato prorogato fino al 2021 per:

  • interventi che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda, con una detrazione del 70%
  • se tali interventi conseguono almeno la qualità media per la prestazione energetica invernale ed estiva, la detrazione è del 75%

Il Sisma bonus sarà invece del 70%, o dell’80% in caso di riduzione di due classi di rischio. La detrazione sale fino all’85% quando l’intervento è effettuato in condomini.

Alla fine vi riportiamo anche il link al nostro articolo per i contributi destinati all’installazione di stufe nel 2018. Contattaci senza impegno per ricevere un preventivo gratuito o una visita senza impegno a casa vostra per valutare le migliori soluzioni per realizzare il vostro impianto a pellet o a legna.