Blog

Qual è la giusta collocazione di una stufa a pellet?

sp_bla01

La giusta collocazione di una stufa a pellet è molto importante per poter sfruttare al massimo tutte le sue potenzialità. La collocazione di una stufa richiede infatti la valutazione di diversi fattori come l’appoggio, la presa d’aria e la canna fumaria.

L’impiego di stufe a pellet consente un riscaldamento immediato, efficace e soprattutto ecosostenibile. La facilità d’installazione è il principale motivo che porta gli acquirenti al fai-da-te, ma spesso questo porta a  errori d’installazione.

sp_ara04

Nonostante molti modelli di stufe a pellet non prevedono l’installazione di una canna fumaria,  bisogna ricordarsi che tutto ciò che brucia produce fumi di scarico, che vanno assolutamente eliminati mediante sistemi di tiraggio. Dunque, anche le stufe a pellet apparentemente prive di canna fumaria, necessitano di una tubazione di scarico, sebbene di dimensioni ridotte. Per questo è importante valutare attentamente la posizione della stufa a pellet, prima di commettere gravi danni, ed in generale è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti, poiché ogni modello ha caratteristiche diverse.

I consigli dei nostri tecnici

In generale per installare correttamente una stufa a pellet i nostri tecnici valutano una serie di fattori, tra i quali:

  • la superficie che si intende riscaldare
  • la scheda tecnica della stufa
  • scegliere dei materiali di finitura che sono in grado di garantire un buon isolamento termico
  • posizionare la stufa ad una distanza di sicurezza da materiali facilmente infiammabili
  • prevedere una presa di corrente nelle prossimità della stufa, così da consentire l‘aspirazione dei fumi e prevedere un sistema di tiraggio alimentato a batteria, in caso di interruzione di energia elettrica.
  • la collocazione giusta per inserire la tubazione necessaria per consentire una presa d’aria.

 

Contattaci per ulteriori informazioni o vieni a visitare il nostro showroom!

Sai cosa bruci?

stufa a pellet

Che tu abbia una stufa a pellet o a legna, l’importante è conoscere e scegliere il combustibile giusto per ottenere massima efficienza e risparmio, nel rispetto dell’ambiente. Il risultato ottimale del sistema di riscaldamento dipende da numerosi fattori a partire dall’abitazione stessa, che fa variare il rendimento termico e il consumo del combustibile, la potenza necessaria per riscaldare gli ambienti e il costo finale per il riscaldamento.

Stufa a pellet

stufa edilkamin cherie up 3 2

Le stufe a pellet sono un prodotto innovativo nel settore del riscaldamento ecologico in quanto utilizzano fonti rinnovabili, hanno alti rendimenti termici e basse emissioni di gas inquinanti. Il pellet viene venduto a sacchetti ed è importante abituarsi a leggere l’etichetta per trovare tutte le informazioni necessarie. E’ sempre buona norma verificare il tipo di legno, la provenienza e l’anno di produzione, la dimensione, il potere calorifico, i residui post combustione (ceneri) e la percentuale di umidità.

Normalmente il faggio e l’abete sono i legni migliori per il pellet. Fate attenzione all’eventuale presenza di troppa polvere nel sacco poiché è indice di bassa qualità. I residui post-combustione non devono superare lo 0,7% e l’umidità deve essere inferiore al 10%. Il potere calorifico di un buon pellet oscilla da 4,7 a 5,5 kWh/kg. Per scegliere il pellet migliore, verifica che sul sacco ci sia la dicitura A1, che indica la migliore qualità.

Stufa a legna

legna

Le stufe a legna presentano forme, dimensioni e rivestimenti diversi con elevate prestazioni termiche, come la ghisa o il mattone refrattario, ma anche in questo caso è importante scegliere il combustibile giusto.

Nella scelta della legna i principali fattori da considerare sono la velocità di combustione e il potere calorifico. La velocità di combustione dipende dalla durezza della legna e dalla presenza o meno di resina. La legna delle latifoglie come rovere, noce, quercia e faggio, brucia più lentamente e consente quindi di caricare la tua stufa meno frequentemente durante la giornata. Il legno di conifera, pino e abete, è ideale invece per l’accensione iniziale del fuoco.

Indispensabile la buona stagionatura e la bassa umidità. Ideale, quindi, è l’acquisto di legna stagionata di almeno 18-24 mesi, correttamente stoccata.

Bonus ristrutturazioni 2018: ecco tutte le novità

Ristrutturazione

La proroga delle detrazioni fiscali per chi effettua lavori in casa è ufficiale. Per i lavori in casa, effettuati nel nuovo anno, sarà possibile usufruire della detrazione Irpef per un importo pari al 50% delle spese sostenute.

La Legge di Bilancio ha introdotto per il 2018 importanti novità sui bonus casa. Si va dalla conferma della proroga del bonus ristrutturazioni e mobili, alle nuove aliquote di detrazione per l’Ecobonus per lavori iniziati a partire dal 1° gennaio 2018.

Bonus casa 2018: proroga della detrazione

La proroga della detrazione del 50% fino a 96.000 euro di spesa per lavori di ristrutturazione effettuati nel 2018 era particolarmente attesa. Anche per i lavori avviati a partire dal 1° gennaio 2018 e fino al prossimo 31 dicembre sarà possibile beneficiare della detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute ed entro il limite di 96.000 euro di spesa.

Bonus ristrutturazioni 2018: quando spetta

Vediamo nel dettaglio per quali lavori spetta il bonus ristrutturazioni 2018:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze

Ecco di seguito alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria per cui è riconosciuto il bonus ristrutturazioni:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

Ecobonus: agevolazioni per sostituzione di finestre, infissi e caldaie

Anche per quanto riguarda l’Ecobonus al 65%, sono previste delle novità importanti: per il 2018 è prevista l’applicazione dell’aliquota al 50% per la sostituzione di finestre e infissi e per l’installazione di caldaie.

Bonus mobili 2018

ristrutturazione2

Tra le novità sugli sconti fiscali per chi effettua lavori in casa vi è la proroga del bonus mobili fino al 31 dicembre 2018.

Ne potranno beneficiare i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione e che acquistano mobili o grandi elettrodomestici di classe pari o superiore alla A+.

La detrazione prevista è pari al 50% delle spese sostenute entro il limite di 10.000 euro. Dovrà essere richiesta in dichiarazione dei redditi e verrà ripartita in dieci rate di pari importo.

Attualmente, invece, non ci sono novità sul bonus mobili per le giovani coppie, scaduta e non in vigore nel 2018.

Come cambia l’Ecobonus

ristrutturazione

Oltre al bonus ristrutturazioni, vi è la proroga dell’Ecobonus per i lavori che mirano ad ottenere un risparmio energetico. La detrazione Irpef prevista dall’Ecobonus però, non sarà più pari al 65% per tutti i lavori effettuati, ma passerà al 50% per:

  • sostituzione e posa in opera di infissi;
  • sostituzione e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con l’installazione di caldaie a condensazione e a biomassa;
  • installazione schermature solari.

Bonus verde

Sempre in tema di agevolazioni che hanno come obiettivo il rispetto dell’ambiente, viene confermata l’introduzione del bonus verde, ovvero la detrazione del 36% e fino a 5.000 euro di spesa per la cura di giardini e terrazzi privati.

Ecobonus condomini e Sisma bonus

Come già previsto dalla precedente normativa, resteranno anche nel 2018 le detrazioni per lavori di riqualificazione energetica in parti comuni del condominio e il Sisma bonus.

Per quanto riguarda la riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali è stato prorogato fino al 2021 per:

  • interventi che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda, con una detrazione del 70%
  • se tali interventi conseguono almeno la qualità media per la prestazione energetica invernale ed estiva, la detrazione è del 75%

Il Sisma bonus sarà invece del 70%, o dell’80% in caso di riduzione di due classi di rischio. La detrazione sale fino all’85% quando l’intervento è effettuato in condomini.

Alla fine vi riportiamo anche il link al nostro articolo per i contributi destinati all’installazione di stufe nel 2018. Contattaci senza impegno per ricevere un preventivo gratuito o una visita senza impegno a casa vostra per valutare le migliori soluzioni per realizzare il vostro impianto a pellet o a legna.

Contributi per l’installazione di stufe anche nel 2018

freestocks-org-188096

Anche nel 2018 il Governo ha confermato gli incentivi fiscali per l’installazione delle stufe a pellet o a legna.

Oltre ai motivi del risparmio, del rispetto ambientale e ai molti altri elencati in un post precedente, le stufe a pellet e a legna sono incredibilmente interessanti dal punto di vista economico grazie agli incentivi promossi dal governo e alle particolari condizioni offerte da Calore a Pellet.

Calore a Pellet, infatti, vi sconta già in fattura il 65% degli sgravi garantiti dallo stato. Quindi a voi l’installazione e la caldaia vi costerà ben il 65% in meno!

gavin-van-wagoner-365157

Come funziona il conto termico 2.0?

Il conto termico 2.0
E’ un’agevolazione che copre fino a un massimo del 65% dell’investimento
– rimborso entro 90 giorni in caso di importi inferiori a 5.000  €
– rimborso entro due anni se l’importo è superiore a 5.000 €
– possibilità di sconto immediato pari al bonus conto termico

mira-kemppainen-212226

Come funzionano le detrazioni fiscali?Le detrazioni fiscali
Le detrazioni IRPEF previste (su 10 anni) possono essere:
– rimborso del 50% (con fattura d’acquisto e bonifico, senza necessità della pratica)
– rimborso del 65% (con pratica ENEA)
Non vi resta che contattarci per fissare un appuntamento ed approffitare da subito di questa incredibile opportunità!

Installare una stufa a pellet a casa

Invece di parlare dei benefici economici ed ambientali già trattati in questo blog, in questo post vorremmo soffermarci sull’aspetto estetico di una stufa a pellet e su come integrarla all’interno della propria abitazione.

Innanzitutto dobbiamo fare una valutazione in base all’ambiente che intendiamo scaldare. In base alla superficie e alla conformazione sceglieremo la potenza della stufa. Potremmo scegliere tra tre tipi principali di stufe:
Stufe ad aria: emana il calore dalla bocchetta centrale, in poco tempo riesce a riscaldare la stanza in cui è sistemata

Stufe ad aria canalizzata: tramite il sistema di tubi e catalizzatori riescono a riscaldare anche le altre stanze della casa

Stufe a pellet idro: seppure siano le più costose sono anche le più efficienti poiché è possibile collegarle ai radiatori di casa e riscaldare l’intera abitazione. Inoltre tramite l’acquisto di uno specifico kit sanitario possono produrre acqua calda sanitaria.

Dove posizionarle?
Per far rendere al massimo l’investimento, la stufa, dovrà essere posizionato in una zona della casa strategica che le permetta di raggiungere più stanze possibili.
Le zone più scelte sono cucina e soggiorno. Grazie alla loro eleganza, le stufe a pelle si prestano molto bene ad arricchire tutti gli ambienti della casa.

La nostra gamma di stufe è molto ampia e ricopre un ampio spettro di stili d’arredamento. Qui sotto alcune delle nostre stufe e cliccando qui potrete visualizzare il nostro catalogo.

sl_bi01-352x232_csl_taupS01-352x232_ctsp_mep01-352x232_ctsp_blC01-352x232_csp_chupC01-352x232_csp_bla01-352x232_cShard-HD-compressor-e1463484806310-352x232_cHead_prodotto_elegance-1500x630-352x232_c

I magnifici 7…motivi per installare una stufa a pellet:-)

sp_bla01

Stufi delle abusate top ten, abbiamo deciso di trovare un nuovo format per elencare le peculiarità delle nostre amate stufe a pellet. L’idea dei magnifici 7 ci piaceva perchè in effetti, i motivi elencati sono davvero magnifici! Una stufa a pellet infatti ha dei vantaggi incredibili, scopriteli qui sotto!

1) È una scelta ecologica
Le stufe a pellet utilizzano come combustibile dei tronchetti di segatura essiccata e compressa (i pallet, appunto) che bruciati immettono nell’atmosfera lo stesso quantitativo di anidride carbonica prodotta dal legno decomposto in natura, quindi possiamo definirlo un riscaldamento ad inquinamento zero. Il pellet e la legna sono i combustibili più rispettosi della natura, producono solo 30kg di Co2 per MWh utile contro i 250 e 270 kg sviluppati da gas naturale e gpl.

2) Conviene! oggi ancora di più con gli incentivi statali
Con il conto termico, possiamo scontare il 65% dell’acquisto direttamente in fattura. Inoltre dovete considerare che una stufa a pellet consuma molta meno energia rispetto ad altre stufe per cui il risparmio in bolletta può arrivare fino al 50%.

3) Riscalda ogni tipo di ambiente
Ci sono molti tipi di stufe e termostufe, con queste tecnologie è possibile riscaldare dai piccoli ambienti fino alle metrature più grandi. Un generatore a pellet ermetico può essere installato anche in quelle stanze come bagno e camera da letto, che sarebbero vietati ad una classica stufa.

4) Mantiene una temperatura ideale
Le stufe a pellet ermetiche inviano l’aria esausta direttamente all’eterno senza un foro d’areazione. L’aria calda rimane all’interno della casa mantenendo una temperatura stabile.

5) È un elemento d’arredo
Attraverso le nostre marche, siamo in grado di fornirvi un’ampia varietà di stufe. Le nostre stufe sono adatte ad ogni tipo di arredamento e di ambiente. La stufa è un elemento di arredo come e più di un caminetto e le sue capacità termiche sono di molto superiori. Rispetto il caminetto una stufa a pellet o legna, inoltre, è incredibilmente più comoda.

6) È sicura
Le stufe in commercio sono garantite dal marchio CE e da un libretto che ne indica tutte le specifiche quali la potenza, il rendimento e il valore delle emissioni. Inoltre con le stufe a pellet non bisogna maneggiare gas o olii combustibili pericolosi per la salute. L’inserimento dei pallet è semplicissimo e sicuro, non verrete mai a contatto con la fiamma.

7) È pratica
A parità di calore effettuato, un generatore a pellet è in grado di lasciare molti meno residui in casa di un camino a legna; si carica una volta la settimana e se opportunamente fornito di sistema di canalizzazione, è anche in grado di diffondere il calore in più stanze

 

Contattaci per fissare un appuntamento gratuito o vieni a visitare il nostro showroom!

oliver-wendel-40811clem-onojeghuo-119593louis-smith-22453jessica-furtney-219077paul-shore-321989sp_bla01

Il conto termico

chris-lawton-154388

Per accedere agli sconti del conto termico dovrete sostituire parzialmente o integralmente il vostro vecchio impianto con uno nuovo e meno inquinante.

Il calcolo dell’importo dovuto non è complicato, tiene conto della zona climatica, della tipologia e delle potenza della stufa. Più la stufa è efficiente, più sarà elevato lo sconto concesso dal conto termico. 

ergyn-meshekran-191492

Il conto termico non è un’azione del governo sporadica, è un piano con una dotazione di 900 milioni di Euro destinato ad efficientare gli impianti di riscaldamento.  

Per aiutarvi al meglio nella scelta del vostro impianto e consentirvi di sfruttare al massimo il conto termico in base alle caratteristiche della vostra abitazione, abbiamo sviluppato un piano per offrirvi una visita gratuita presso la vostra abitazione, in cui andremo a valutare il miglior modo per sviluppare un impianto efficiente e la miglior caldaia o stufa utilizzabile.

filip-bunkens-155405

Siamo in grado di effettuare direttamente lo sconto previsto (fino al 65%) in fattura, saremo poi noi ad aspettare il rimborso dovuto dal conto termico. In questo modo potrete godervi il vostro impianto fin da subito e giovare immediatamente sia del risparmio derivante dal conto termico sia dal risparmio dovuto all’efficienza dell’impianto.

Contattaci per fissare un appuntamento gratuito e scoprire quanto puoi risparmiare!

Photo by Chris LawtonFilip BunkensErgyn Meshekran on Unsplash 

 

Riscaldamento ecosostenibile per la nostra casa

joao-silas-29217

Anno dopo anno ognuno di noi diventa sempre più sensibile ai temi dell’ecosostenibilità. Se fino a qualche anno fa la scelta ecosostenibile era di pochi, o comunque legata ad una convenienza economica, oggigiorno siamo sempre più colpiti dagli incredibili eventi atmosferici causati dal cambio climatico e non possiamo più sottrarci dal prendere in seria considerazione delle scelte ecosostenibili.

slideshow-1

Il riscaldamento degli edifici è uno degli aspetti più inquinanti delle nostre vite, il risparmio energetico dato dalle finestre e dai nuovi isolanti per gli edifici permette fino ad un certo punto di risparmiare risorse e limitare l’inquinamento. Se valutiamo l’emissione di Co2 in atmosfera per ogni MWh utile, il pellet e la legna sono di molto i combustibili più green tra tutti, con solo 30kg di Co2 per MWh utile contro i 250 e 270 kg sviluppati da gas naturale e gpl.

timothy-meinberg-206976In una casa da 150mq il risparmio annuo dovuto all’utilizzo di pellet o legna rispetto a gpl o gas naturale è di ben 45-50 tonnellate di Co2!

Inoltre, l’utilizzo di legna o lavorati della legna provenienti da foreste o aziende nelle proprie vicinanze permette di ridurre ancora di più la propria impronta ecologica andando anche a ridurre le emissioni dovute al trasporto dei combustibili. 

Da considerare anche come ultimo punto il fatto che l’utilizzo di stufe a pellet o a legna generano anche un’importante economia locale, generando posti di lavoro lungo la filiera foresta-legno-energia. 

Per scoprire di più sulle nostre stufe e termostufe a legna e a pellet contattaci senza impegno per una visita gratuita a casa tua, valuteremo il migliore impianto per la tua casa, per risparmiare sulla bolletta e sulla Co2!

Photo by João Silas, Timothy Meinberg on Unsplash

Offerta Settembre

offerta settembre sconto

Avete già pensato a come risparmiare sulla bolletta del prossimo inverno? Calore a Pellet offre la possibilità di uno sconto IMMEDIATO in fattura pari al bonus conto termico, a quanto ammonta lo sconto? AL 65%, contattateci per avere un preventivo dettagliato e risparmiare fin da subito con il vostro nuovo impianto.

Presso il nostro punto vendita seguiamo personalmente le pratiche per il conto termico. Ci occuperemo noi di riscuotere lo sconto statale, voi dovrete solamente godervi il vostro nuovo impianto e lo sconto del 65%!

Contattaci per saperne di più e fissare un appuntamento gratuito.

Offerta Fiera

print-version-caloreapellet copia

Il 27 agosto saremo presenti alla Fiera dei Osei di Annone Veneto. In questa occasione abbiamo pensato di proporre a tutti i nostri clienti un’interessante offerta.

Oltre allo sconto del 15%, Calore a Pellet offre anche  la possibilità di sconto IMMEDIATO in fattura pari al bonus conto termico.

Presso il nostro punto vendita seguiamo personalmente le pratiche per il conto termico. Venite a conoscerci in Fiera per poi fissare un incontro presso la nostra sede e valutare la migliore soluzione per riscaldare la vostra casa.

 

Cliccando sull’immagine trovate tutte le informazioni sulla fiera.

Fiera dei osei

Pagina 1 di 212