Sai cosa bruci?

stufa a pellet

Che tu abbia una stufa a pellet o a legna, l’importante è conoscere e scegliere il combustibile giusto per ottenere massima efficienza e risparmio, nel rispetto dell’ambiente. Il risultato ottimale del sistema di riscaldamento dipende da numerosi fattori a partire dall’abitazione stessa, che fa variare il rendimento termico e il consumo del combustibile, la potenza necessaria per riscaldare gli ambienti e il costo finale per il riscaldamento.

Stufa a pellet

stufa edilkamin cherie up 3 2

Le stufe a pellet sono un prodotto innovativo nel settore del riscaldamento ecologico in quanto utilizzano fonti rinnovabili, hanno alti rendimenti termici e basse emissioni di gas inquinanti. Il pellet viene venduto a sacchetti ed è importante abituarsi a leggere l’etichetta per trovare tutte le informazioni necessarie. E’ sempre buona norma verificare il tipo di legno, la provenienza e l’anno di produzione, la dimensione, il potere calorifico, i residui post combustione (ceneri) e la percentuale di umidità.

Normalmente il faggio e l’abete sono i legni migliori per il pellet. Fate attenzione all’eventuale presenza di troppa polvere nel sacco poiché è indice di bassa qualità. I residui post-combustione non devono superare lo 0,7% e l’umidità deve essere inferiore al 10%. Il potere calorifico di un buon pellet oscilla da 4,7 a 5,5 kWh/kg. Per scegliere il pellet migliore, verifica che sul sacco ci sia la dicitura A1, che indica la migliore qualità.

Stufa a legna

legna

Le stufe a legna presentano forme, dimensioni e rivestimenti diversi con elevate prestazioni termiche, come la ghisa o il mattone refrattario, ma anche in questo caso è importante scegliere il combustibile giusto.

Nella scelta della legna i principali fattori da considerare sono la velocità di combustione e il potere calorifico. La velocità di combustione dipende dalla durezza della legna e dalla presenza o meno di resina. La legna delle latifoglie come rovere, noce, quercia e faggio, brucia più lentamente e consente quindi di caricare la tua stufa meno frequentemente durante la giornata. Il legno di conifera, pino e abete, è ideale invece per l’accensione iniziale del fuoco.

Indispensabile la buona stagionatura e la bassa umidità. Ideale, quindi, è l’acquisto di legna stagionata di almeno 18-24 mesi, correttamente stoccata.